header vitivinocolo

ValorVitis 2.0 – La ricerca e l’innovazione incontrano il mercato

Riutilizzare in maniera sostenibile i sottoprodotti della vinificazione (bucce, raspi, semi) per ottenere farine e oli che fanno bene alla salute, da impiegare in campo alimentare, farmaceutico e cosmetico. Questa la finalità di ValorVitis 2.0, che grazie ai risultati ottenuti con il progetto Ager “Valorizzazione dei sottoprodotti della filiera vitivinicola per la produzione di composti ad alto valore aggiunto” vuole promuovere il recupero dei residui della vinificazione, incentivando in particolare la produzione di farine di bucce di vinaccia e ampliando la gamma delle applicazioni alimentari. Il recupero dei sottoprodotti è un tema attuale in tutti i Paesi ad intensa produzione vinicola, dove iniziano a comparire sul mercato alimenti addizionati di composti benefici estratti dalle vinacce. ValorVitis 2.0 ha l’obiettivo di sviluppare a livello nazionale una strategia di valorizzazione dei sottoprodotti della lavorazione dell’uva a vantaggio dell’intero settore vitivinicolo e dei consumatori.

leggi tutto...

Piano delle attività

  • Produzione di prototipi di farine di bucce di vinaccia micronizzate e redazione della scheda tecnica per la loro commercializzazione
  • Valutazione tecnico-economica della produzione di farine di bucce di vinaccia
  • Preparazione di prodotti lattiero-caseari, pasta, succhi di frutta e prodotti da forno con farine di bucce di vinaccia, coinvolgendo aziende del settore
  • Indagine sui consumatori e test sensoriali per valutare il gradimento di questi alimenti  
  • Preparazione di nuovi prodotti in grado di regolare positivamente la glicemia post-prandiale 
  • Censimento di aziende che già producono farine di bucce d’uva e vinacce, che utilizzano le vinacce per la produzione di ingredienti e additivi alimentari, che si occupano della valorizzazione dei sottoprodotti enologici 
  • Audit su aziende interessate a investire in sistemi di valorizzazione dei sottoprodotti, produrre ingredienti e additivi alimentari, utilizzare farine di bucce di vinaccia
  • Divulgazione e comunicazione del progetto e dei risultati alle imprese della filiera vitivinicola e aziende alimentari, alla comunità scientifica e alla società civile

Partner

Università Cattolica del Sacro Cuore (capofila), Università degli Studi di Milano, Università degli Studi di Torino, Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (Cn), Università degli Studi di Trento

Info

Prof.ssa Giorgia Spigno, responsabile scientifico, Università Cattolica del Sacro Cuore

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Le attività del progetto

I risultati del progetto ValorVitis 2.0

mini Foto articolo presentazioni 19 08 19

Lunedì 20 maggio all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza si è tenuto l'incontro conclusivo di progetto per presentare i risultati di oltre un anno di lavoro dei ricercatori di “ValorVitis 2.0 - La ricerca e l’innovazione incontrano il mercato”.

Leggi tutto...

Dove la ricerca e l'innovazione incontrano il mercato: lunedì 20 maggio a Piacenza

INH 19043 323871

L'appuntamento è per lunedì 20 maggio alle ore 10.00 alla Residenza Gasparini, Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, in Via dell'Anselma 9.

Leggi tutto...

Imparare a "ri-creare" valore nella filiera vitivinicola

Foto Apertura
 
Milano, 2 maggio 2019 - Un workshop per educare le nuove generazioni di studenti di Scienze Alimentari al concetto di economia circolare, con l'obiettivo di formare figure professionali che rispondono alle richieste del mondo del lavoro e di sicurezza, trasparenza e sostenibilità dei processi alimentari richieste dalla società civile.
Leggi tutto...

La farina di bucce di vinaccia? Se fine è più gradevole

Milano, 15 marzo 2019 - I ricercatori del Laboratorio di Analisi Sensoriale dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (CN) hanno condotto una serie di test sensoriali su tre “alimenti prototipo”, quali yogurt, biscotti e bevande calde, ottenuti con l’aggiunta di farina di bucce di vinaccia (FBV) con granulometria molto fine (sotto la soglia di percezione).

ok Raspi da luce di Enrico Conti

 

Leggi tutto...

Recupero dei sottoprodotti della vinificazione: lo stato dell'arte

ok Appassionatamente di Sara Nssn

Milano, 25 febbraio 2019 - Diversi studi hanno dimostrato che i sottoprodotti di vinificazione sono potenziali materie prime per una bioraffineria di seconda generazione, alimentata per ottenere prodotti ad alto valore aggiunto per il settore alimentare. I risultati delle ricerche dimostrano un crescente interesse riguardo alle possibili applicazioni dei sottoprodotti e delineano un nuovo ed interessante scenario di reddito per i vinificatori.

Leggi tutto...

Biscotti al cacao arricchiti con polifenoli? Si può! Il positivo parere dei consumatori

Milano, 14 febbraio 2019 - Recuperare composti bioattivi dalle vinacce e utilizzarli per la produzione di biscotti al cacao, testando i gusti dei consumatori. E’ quanto hanno fatto i ricercatori dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza e dell’Università di Scienze Gastronomiche di Bra (Cuneo) all’interno di ValorVitis 2.0, aprendo una nuova strada nella produzione di alimenti funzionali.

ok I roccetti di Nonna Lidia di Michele Stramaccioni

Leggi tutto...

     logo fondazione parma  logo fondazione cariplo      logo cr cuneo         Fondazione Estense       logo fondazione cr firenze         logo fondazione Friuli    logo fondazione modena     logo fondazione padova rovigo          logo fondazione teramo        logo fondazione caritro trento rovereto    logo fondazione venezialogo fondazione vercelli            

Ager - Agroalimentare e ricerca,
è un progetto di ricerca agroalimentare promosso e sostenuto da un gruppo di Fondazioni di origine bancaria.

AGER
Presso Fondazione Cariplo
Via Manin n. 23 - Milano
cf 00774480156

Progetto Ager

Valentina Cairo
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel +39 02 6239214

Riccardo Loberti
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.