header mix

Come l'agricoltura di montagna potrà sopravvivere ai cambiamenti climatici

Come sta mutando la composizione delle specie vegetali delle praterie a seguito dei cambiamenti climatici? I pascoli soddisferanno ancora le necessità degli allevatori? E' possibile prevedere quali saranno le ripercussioni dei cambiamenti climatici sull' agricoltura di montagna?

A queste e ad altre domande daranno risposta i risultati del progetto IPCC MOUPA in occasione del webinar “Cambiamento climatico e produzioni agricole di montagna” che si terrà mercoledì 25 novembre dalle 14.30 alle 16.00.

I ricercatori dell'Università di Milano illustreranno l'importanza della risorsa acqua per la produzione delle praterie da sfalcio e da pascolo e presenteranno i risultati dei rilievi sulla composizione e tipologia delle specie vegetali presenti nei pascoli delle aree di studio di Orvielle (Val d'Aosta) nel Parco Nazionale del Gran Paradiso e della Val Dosdè (Valtellina). Inoltre sarà illustrato un modello di simulazione di crescita delle praterie che aiuta a capire come le conseguenze del cambiamento climatico potranno incidere sulle filiere zootecniche di montagna, prevedendo i futuri scenari. All’incontro parteciperanno Stefano Bocchi, responsabile scientifico del progetto, Ilda Vagge, Roberto Confalonieri ed Ermes Movedi. Modera l’incontro Paola Parisi.

IPCC MOUPA, lo ricordiamo, sta studiando l’impatto dei cambiamenti climatici, in corso e previsti, sulle aree a pascolo di alta montagna e sulle filiere agrozootecniche collegate. La finalità è di ridurre al minimo i potenziali impatti negativi dei cambiamenti e consentire una corretta pianificazione per la gestione sostenibile di queste aree, dando forza all'agricoltura di montagna.

L'iniziativa è gratuita e si terrà su piattaforma GoToWebinar previa iscrizione al seguente link https://attendee.gotowebinar.com/register/2607161283178998544

Per maggiori informazioni è possibile consultare la locandina dell'evento.